Trusted Shops badge

I Tre Tenori in concerto alla Chiesa Anglicana All Saints

Roma, Chiesa di Ognissanti — Main Hall

Pianta dei posti a sedere Libera scelta dei posti  Biglietto elettronico istantaneo Dona un Buono Regalo

Seleziona i biglietti

Totale
$ 51

Lo spettacolo

Tre voci di spicco del Belcanto italiano si sfideranno nell'interpretazione dei più straordinari capolavori dell'Opera e della Canzone italiana magistralmente accompagnati dai Solisti dell'Opera di Roma nella splendida cornice architettonica della Chiesa Anglicana All Saints di Roma.

Informazioni pratiche

Per categorie ridotte si prega di presentare un documento di identità valido assieme al biglietto di ingresso per usufruire del prezzo ridotto.

Le categorie 'reduced' possono essere prenotate da studenti, titolari di passaporto rom, minori di 18 anni, maggiori di 65 anni.

Programma

  • Ruggero Leoncavallo – “Mattinata”
  • Gaetano Donizetti – da “Elisir d'Amore” Una furtiva lagrima
  • Salvatore Cardillo – Core 'ngrato
  • Pietro Mascagni – da “Cavalleria Rusticana”, Intermezzo
  • Giacomo Puccini – Tosca > 'E lucevan le stelle', from Tosca
  • Agustín Lara – Granada
  • Giuseppe Verdi – Rigoletto > 'La donna è mobile', from Rigoletto
  • Georges Bizet – “Carmen”, Entr’acte
  • Ernesto de Curtis – Torna a Surriento
  • Giacomo Puccini – “Nessun dorma” from “Turandot”
  • Luigi Denza – Funicolì Funicolà
  • Eduardo Di Capua – O sole mio
Il programma può essere soggetto a variazioni

Chiesa di Ognissanti

La Chiesa di Ognissanti è una congregazione che rappresenta la comunità anglicana a Roma. È una parrocchia attiva di lingua inglese che continua ad offrire ciò che la chiesa d'Inghilterra ha iniziato nel 1816 in Italia. Infatti, il clero della Chiesa d'Inghilterra ha offerto regolari culti anglicani in tutta Roma per oltre 160 anni. Come risultato, la comunità cristiana è cresciuta e ha seguito queste pratiche, studi, servizi e borse di studio nel cuore di Roma. La chiesa di All Saints' Church è stata costruita dal genio George Edmund Street che ha progettato l'edificio seguendo un percorso chiaro: Stile inglese e vittoriano. L'interno della chiesa è costituito da archi a tutto tondo a mosaico e arcate della navata in cui sono visibili ulteriori simboli anglicani. Oggi, la chiesa di All Saints' Church ospita una varietà di concerti classici come spettacoli lirici di artisti di talento provenienti da tutto il mondo.

Giuseppe Verdi

Giuseppe Verdi era un compositore d'opera italiana. Fin da giovane, sviluppò un'educazione musicale con l'aiuto di un mecenate e presto dominò l'opera italiana. A trent'anni, infatti, divenne uno dei più influenti compositori d'opera di tutta la scena classica. Le sue opere più famose sono Il Trovatore, Rigoletto e La Traviata. Inoltre, fu in grado di affermarsi come proprietario terriero con i proventi delle sue opere di successo e di concentrarsi sulla sua vita privata. Tuttavia, tornò presto sulla scena con la sua nuova opera popolare Aida (1871) e tre capolavori: Otello, Requiem e Falstaff.

Georges Bizet

Georges Bizet dedicò la sua vita relativamente breve di 36 anni al teatro musicale. L'opera Carmen, perla della sua opera, è ancora oggi una delle opere più rappresentate al mondo. Nato nel 1838 in una famiglia istruita musicalmente - suo padre era un insegnante di canto e sua madre una pianista professionista. All'età di 4 anni, il giovane George era già in grado di leggere le note e suonare il pianoforte, e sei anni dopo si iscrisse al Conservatorio di Parigi. Terminati gli studi, Bizet vinse il prestigioso Prix de Rome per la sua cantata Clovis et Clotilde, che gli permise di lavorare esclusivamente alle sue composizioni per cinque anni. Tra il 1857 e il 1860 trascorse quattro anni in Italia piuttosto spensierati, dove viaggiò, compose e sviluppò il suo talento. Tornato a Parigi, affrontò delle difficoltà e trovò molto difficile ottenere un riconoscimento per la sua musica. Per guadagnarsi da vivere, diede lezioni private, compose musica leggera e divertente e compose arrangiamenti di opere pianistiche di altri compositori. In realtà, avrebbe potuto facilmente diventare un pianista di successo come pianista virtuoso e che un tempo impressionò Franz Liszt stesso con l'esecuzione di una delle composizioni pianistiche di Liszt. Ma Georges Bizet non cercava un modo per fare soldi facili ed era categorico sulla sua intenzione di comporre solo musica.

Giacomo Puccini

Giacomo Puccini era un compositore d'opera italiana della fine del XIX secolo. Era considerato uno dei più grandi compositori dell'Opera Italiana, secondo solo a Verdi. I suoi primi lavori erano caratterizzati da tratti della tradizionale opera romantica italiana del XIX secolo. In seguito, il suo stile si sviluppò nello stile verismo realistico, che lo ispirò a scrivere i suoi capolavori più famosi e divenne uno dei maggiori esponenti di questo stile. Le sue opere più famose, La bohème (1896), Tosca (1900), Madama Butterfly (1904) e Turandot (1924), sono tutte opere popolari rappresentate nei luoghi più prestigiosi del mondo classico.

Gaetano Donizetti

Gaetano Donizetti è stato un compositore italiano dei primi anni del XIX secolo. Insieme a Gioachino Rossini e Vincenzo Bellini è stato uno dei maggiori compositori dello stile lirico belcanto. Nel corso della sua carriera, Donizetti scrisse quasi 70 opere sia comiche che serie. Il suo primo successo notevole arrivò con un'opera seria, Zoraida di Granata, che fu presentata nel 1822 a Roma. Di conseguenza, ebbe un grande impatto sulla scena lirica italiana e internazionale, spostando l'attenzione sull'opera seria (opera nobile e "seria"). Tra le sue opere più note ricordiamo però commedie come L'elisir d'amore (1832) e Don Pasquale (1843).

Ruggero Leoncavallo

Ruggero Leoncavallo passò alla storia come il creatore del capolavoro operistico "Pagliacci". Inoltre fu noto per aver rappresentato un nuovo stile artistico verista in cui i suoi seguaci si concentrarono su temi quotidiani invece che su gesta eroiche e personaggi leggendari. Nacque a Napoli nel 1857. A 8 anni Leoncavallo venne ammesso al Conservatorio di San Pietro a Majella, dove studiò per otto anni. Oltre alla passione per la musica, dimostrò grande interesse per la letteratura e successivamente studiò presso il dipartimento di filologia dell'Università di Bologna. Queste conoscenze lo aiutarono in seguito a scrivere libretti per le sue opere musicali. Nel 1879 si recò in Egitto per vivere con lo zio e lavorare come pianista e insegnante alla corte dell'egiziano Khedive Tewfil Pasha. Tuttavia, tre anni dopo fu costretto a lasciare il paese a causa dello scoppio della guerra. Si trasferì in Francia, dove lavorò come pianista e cantautore in caffè e sale da musica. Nel 1887 tornò a Milano e si concentrò sulla produzione di opere liriche nel nuovo stile verista. Cinque anni dopo raggiunse finalmente l'atteso successo per la sua opera Pagliacci. Lo stesso Leoncavallo sosteneva che la trama si basasse su un vero e proprio processo per omicidio che suo padre, un magistrato, recensì in tribunale quando era bambino. Ancora oggi è considerata la migliore opera lirica del genere del verismo ed è spesso riproposta ancora oggi.

Eduardo Di Capua

Eduardo di Capua era un compositore italiano di fine Ottocento. Suo padre era un musicista e lo avvicinò al mondo della musica. Infatti, viaggiò con il padre in molti paesi europei. Durante uno dei suoi viaggi in Ucraina nel 1898, compose insieme al poeta Giovanni Capurro la famosa melodia di "O sole mio". O sole mio sarebbe diventato un inno italiano non ufficiale e romantico. Stranamente, alle Olimpiadi di Anversa del 1920, il direttore della banda non riuscì a trovare la musica per l'attuale inno nazionale italiano e invece suonò "O Sole Mio".

Indirizzo

Chiesa di Ognissanti, Via del Babuino, 153, Roma, Italia — Google Maps

Gift card