Cera, Francesco

Bolognese, ha studiato organo e clavicembalo completando la sua formazione musicale sotto la guida di Luigi Ferdinando Tagliavini e Gustav Leonhardt. Oltre alla musica per strumenti storici a tastiera, Francesco Cera si interessa alla musica vocale e strumentale di epoca barocca.Dal 1991 al 1994 ha fatto parte dell’ensemble Giardino Armonico e dal 1997 dirige l’Ensemble Arte Musica, col quale esegue prevalentemente musica vocale italiana, spaziando dai madrigali di Gesualdo alle cantate del Settecento. Apprezzato interprete del repertorio cembalo‐organistico del Seicento italiano, tiene concerti come solista in tutta Europa, ospite di importanti rassegne internazionali. Ha realizzato numerose incisioni discografiche per l’etichetta bolognese Tactus, tra cui le opere complete di Michelangelo Rossi, Tarquinio Merula (su organi storici bolognesi),Bernardo Storace e Antonio Valente. Di rilievo, per la loro ricchezza espressiva, le incisioni delle Sonate per clavicembalo di Domenico Scarlatti. Dal 1995 collabora con Diego Fasolis e I Barocchisti con cui ha registrato concerti per clavicemablo di Bach, recentemente pubblicati dalla rivista Amadeus. Ha curato la prima edizione di musiche per organo di Bernardo Pasquini e alcuni articoli musicologici. Ha tenuto corsi e seminari presso varie istituzioni, tra cui l’Accademia di Musica Italiana per Organo, l’Académie d’Orgue de Fribourg, la Royal Academy of Music di Londra e diverse Università degli Stati Uniti. Dal 2001, a Roma, è ispettore onorario per la tutela degli organi storici.

Non ci sono date disponibili per il concerto selezionato.